Sala stampa

Sala stampa > Altri comunicati

Gli italiani - e le loro vetture - fanno meno km rispetto agli altri grandi Paesi europei. Si spiegano anche così tasso di motorizzazione e vetustà del parco circolante

Periodo di pubblicazione: 30 settembre 2022
Periodo di riferimento dei dati: gennaio 2011 / dicembre 2021

Nuovo studio UNRAE, "L'automobile: italiani a confronto". Un'analisi inedita realizzata per Quattroruote rileva alcune sorprese sugli automobilisti del Bel Paese

 Scarica allegato: Studio UNRAE L_automobile Italiani a confronto_6336ab4170253.pdf


Per visualizzare il contenuto è necessario accettare l'installazione dei Cookie di Calameo

 

È ben noto che l’Italia, tra i cinque Major Markets europei, gode di due primati poco invidiabili: il tasso di motorizzazione più elevato, con 642 auto per 1.000 abitanti contro una media di 553 degli altri quattro Paesi, e il parco più vetusto a eccezione della Spagna, con una età media di 12,2 anni. Gli italiani, con più di un’auto in famiglia, usano più vetture rispetto agli automobilisti dei maggiori paesi europei, tenendole per più tempo.

 

Meno noto è il fatto che gli italiani vantino una più bassa percorrenza media, sia per persona che per vettura: 6.680 km l’anno pro-capite verso una media di 7.052 km per gli altri quattro Paesi, e 10.712 km l’anno per vettura contro 12.743 km di media fra gli altri quattro paesi. I tedeschi invece battono tutti, con 7.811 km l’anno pro capite e 13.602 per vettura.

 

Sono alcuni dei dati, anche inaspettati, contenuti nello studio UNRAE ‘L’automobile: italiani a confronto’, realizzato per Quattroruote e disponibile da oggi in forma sintetica sul numero di ottobre della rivista, nonché - in forma integrale – su Quattroruote.it e sul sito di UNRAE.

 

Spesso considerati “schiavi dell’auto” perché usano più auto degli altri, in realtà gli italiani “usano meno l’auto”, ossia percorrono meno chilometri con ciascuna auto, vuoi per minori necessità vuoi per risparmiare carburante: di conseguenza la tengono più a lungo, esponendola ad una obsolescenza tecnologica più pronunciata. Un uso meno efficiente sotto il profilo economico, data la maggiore incidenza dei costi fissi per km, con pesanti conseguenze ambientali e sociali dovute all’invecchiamento del parco. Secondo i dati UNRAE, al momento della rottamazione le autovetture in media raggiungono la veneranda età di 18 anni.

 

Ma quanti italiani, grandi appassionati di motori, possiedono una patente di guida? Da noi è munito di patente il 72% degli adulti, un valore intermedio fra quelli - più bassi - di Germania (61%) e Spagna (65%) e quelli - più alti - di Regno Unito (82%) e Francia (90%). Considerando invece il numero di patenti per vettura, l’Italia con un indice di 0,95 – sempre dovuto all’elevato tasso di motorizzazione - si posiziona al di sotto di Regno Unito e Francia (1,20) e della Spagna (0,99), ma al di sopra della Germania (0,87).

 

È noto poi il divario con gli altri paesi in tema di auto con la spina: nel parco circolante l’Italia ha una quota di vetture elettriche (BEV) dello 0,3%, la più bassa insieme alla Spagna, lontana dall’1,4% di Germania e Francia e dall’1,1% del Regno Unito. Stessa quota dello 0,3% per le ibride plug-in (PHEV), superata dagli altri quattro paesi con quote variabili dallo 0,4% della Spagna all’1,3% della Germania.

 

Le diverse intensità e modalità di utilizzo dell’auto, nel confronto con gli altri Paesi considerati, possono trovare le loro cause in molteplici e concomitanti fattori, della natura più varia: da quelli di natura socio-economica, in particolare reddituale, a quelli geomorfologici e urbanistici. Al di là delle possibili spiegazioni, che richiederebbero un’analisi molto più approfondita, i dati dello studio UNRAE confermano ancora una volta la situazione emergenziale di un parco circolante vetusto, inquinante e insicuro. Una situazione peraltro in progressivo degrado, con l’età media delle auto italiane che nell’ultimo decennio è salita addirittura del 44%.

 

Commenta Gian Luca Pellegrini, direttore di Quattroruote: “Come purtroppo previsto, si va creando un fenomeno che potremmo chiamare di mobility divide: mentre l’industria investe nella direzione di una sofisticazione tecnologica sempre più marcata, un numero enorme di persone viene spinta ai margini del mercato. Per questo, abbiamo voluto dedicare – nel fascicolo di Quattroruote in edicola – un ampio reportage su quanto sta accadendo a Milano, dove a moltissimi proprietari di auto relativamente anziane dal primo ottobre verrà impedito l’ingresso in città. Ferma restando la priorità da dare ai temi ambientali, negare il diritto alla mobilità privata a chi non ha i soldi per cambiare la macchina è profondamente iniquo”.

 

Un quadro ancor più drammatico in prospettiva, con un ciclo di sostituzione – a volumi di mercato attuali – di durata pari a 27 anni: quasi 5 in più della media degli altri quattro maggiori Paesi europei. Un periodo esageratamente lungo, data la velocità di trasformazione richiesta dalla decarbonizzazione dei trasporti: nel 2050, 15 anni dopo il previsto stop alla vendita di auto endotermiche, circolerebbero ancora vetture presenti già oggi sulle nostre strade.

 

In Italia, inoltre, si registrano fortissime disparità territoriali per tutti gli indicatori: rispetto al Trentino-Alto Adige - la regione più virtuosa (anche al netto del noleggio) - l’età media del parco risulta del 50% più alta in Campania, e la quota di vetture con oltre 15 anni di età risulta quasi doppia in Calabria. E sempre in Calabria, la quota di BEV è poco più di 1/10 di quella in Trentino-Alto Adige, mentre la quota di vetture ante Euro 4 è 2,3 volte più alta.

 

Tutto ciò nota Andrea Cardinali, Direttore Generale dell’UNRAE – dimostra la necessità e l’urgenza di robuste politiche di sostegno ad un cambiamento radicale del parco auto: dallo stimolo alla domanda di privati e aziende sino alla capillare infrastrutturazione per la ricarica elettrica, pubblica e privata, e per il rifornimento di idrogeno, passando per una revisione strutturale della fiscalità sia privata che aziendale, senza dimenticare le esigenze di equità sociale e coesione territoriale”.

 

In allegato lo studio completo


TAG: 2021, percorrenze, major markets, Quattroruote, parco circolante, patenti, motorizzazione, italiani, Europa, Germania, Francia, Spagna, Regno Unito, anzianità


Per lo stesso periodo di riferimento

gennaio 2011 / dicembre 2021
Dati statistici > Immatricolazioni
1138 contenuti pubblicati (visualizza/nascondi)
Dati statistici > Circolante
Dati statistici > Dati di settore
Dati statistici > Dati storici
Pubblicazioni > Pocket mercato
Pubblicazioni > Book Statistiche annuali
Pubblicazioni > Sintesi statistica
Sala stampa > News dall'UNRAE
Sala stampa > Conferenze stampa
48 contenuti pubblicati (visualizza/nascondi)
Sala stampa > Autovetture
211 contenuti pubblicati (visualizza/nascondi)
Sala stampa > Interventi
Sala stampa > Altri comunicati
119 contenuti pubblicati (visualizza/nascondi)
225 contenuti pubblicati (visualizza/nascondi)
Sala stampa > Dicono di noi
67 contenuti pubblicati (visualizza/nascondi)
Sala stampa > Video interviste
26 contenuti pubblicati (visualizza/nascondi)

In rilievo

Prossimi appuntamenti  ?

  • 01
    dic
    Comunicato Stampa mercato autovetture
  • 15
    dic
    Comunicato Stampa auto Europa

Chi è l'UNRAE

L'UNRAE è l'Associazione che rappresenta le Case estere operanti sul mercato italiano delle autovetture, dei veicoli commerciali e industriali, dei bus e dei caravan e autocaravan.

Chi siamo
Struttura
Presidente
Direttore Generale
Organi Associativi
Relazioni Istituzionali
Statuto
Codice Etico



Le nostre Associate per settore. Puoi fare click sui loghi per ottenere maggiori informazioni.