Sala stampa

Sala stampa > Autovetture

Trimestre positivo (+13,5%), sostenuto dal noleggio (+37%). Il canale privati resta ancora debole

Periodo di pubblicazione: 01 aprile 2015
Periodo di riferimento dei dati: marzo 2015

Il mese di marzo, secondo i dati diffusi oggi dal Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, chiude con un immatricolato di 161.303 auto, in crescita del 15,1% rispetto alle 140.189 del marzo dello scorso anno, beneficiando anche di un giorno lavorativo in più.


Il primo trimestre dell’anno archivia una crescita del 13,5%, con 428.464 auto vendute, rispetto alle 377.629 dello stesso periodo 2014.

 

Due gli elementi di osservazione: il fenomeno del noleggio che conferma la forte crescita (+37% nei tre mesi), per due elementi contingenti ben precisi: nel noleggio a breve termine il forte “inflottamento” per le esigenze legate all’Expo di Milano, mentre nel noleggio a lungo termine i rinnovi dei contratti rinviati negli anni precedenti, passati dai classici 24 mesi agli attuali 47 mesi, che hanno consentito di ridurre i canoni pagati dalle imprese.

 

Il noleggio non è solo un fenomeno di volumi, è piuttosto la testimonianza che a fronte della pressione fiscale che ancora agisce sulle imprese, questo canale sta funzionando da sostegno finanziario alle aziende in crisi di liquidità e ancora alle prese con il cronico ritardo dei pagamenti della Pubblica Amministrazione e da perfetto strumento per superare le restrizioni della spending review per le flotte pubbliche.

 

Migliorano le vendite a privati, che crescono nel mese del +13,5% con un giorno lavorativo in più a circa 93.000 immatricolazioni, con una quota del 57,2%, 1 punto in meno rispetto all’anno scorso. Nel trimestre mantengono un tiepido incremento del 7,4%, perdendo 3,4 punti di rappresentatività, per portarsi al 58,9% del totale, un valore troppo basso per sostenere l’equazione di business dei concessionari che, di fatto, nel trimestre stanno vendendo 2 auto a testa in più al mese alle famiglie.

 

“La crescita è dovuta soprattutto al noleggio – ha commentato Massimo Nordio Presidente dell’UNRAE, l’Associazione delle Case Automobilistiche estere - quando anche il canale privati mostrerà un rateo di crescita adeguato al potenziale inespresso, allora potremo dire di essere fuori dal tunnel. Tuttavia rileviamo alcuni segnali importanti, ad esempio, l’indice di fiducia dei consumatori e degli imprenditori è in aumento e l’occupazione in febbraio secondo l’Istat è cresciuta di 93.000 unità (+0,4%) rispetto allo stesso mese 2014”.

 

 “Pertanto, in uno scenario che oggettivamente migliora – prosegue Nordio - per cogliere queste opportunità è necessario uno stimolo che aiuti le famiglie a rinnovare la propria vecchia auto. E non stiamo chiedendo incentivi, non li vogliamo, desideriamo che continui il processo di sostegno alle famiglie del Governo Renzi, adottando, perché no, il progetto della detraibilità di parte dei costi di acquisto proposto dall’UNRAE”. 

“Ed insieme ai privati – conclude il Presidente - occorre pensare anche alle imprese: è ormai indispensabile agevolare una diversa modulazione del trattamento fiscale dell’auto aziendale, aumentandone la detraibilità che oggi è al 20%, allineandola alla media europea del 40%, in alcuni Paesi addirittura del 100%”.

 

Tornando al mercato di marzo, la crescita del noleggio nel mese rimane comunque alta al +23,1%, portando la quota di mercato al 28,6% del totale; nel 1° trimestre le 110.700 vetture immatricolate a noleggio segnano un incremento del 37% e una quota che copre più di 1/4 dell’intero mercato, crescendo di 4,4 punti percentuali rispetto allo stesso periodo 2014. Dei privati si è detto nei paragrafi precedenti, mentre le società crescono in marzo del 7,6% con poco più di 23.000 unità immatricolate, scendendo di un punto di quota sia nel mese (al 14,2%) sia nel cumulato (15,4% del totale). Le vetture vendute a società nel 1° trimestre sono state 66.525 in aumento del 6,5%.

 

Crescita a doppia cifra in marzo per tutte le alimentazioni che compongono il mercato, ad eccezione del metano, in aumento comunque del 5,6%, e delle elettriche, in forte ascesa +138,7%, vista la scadenza per immatricolare i veicoli prenotati entro il 31 dicembre con gli incentivi BEC. Nel 1° trimestre l’incremento a doppia cifra interessa tutte le motorizzazioni, con le ibride che crescono in rappresentatività raggiungendo l’1,5% del totale, anch’esse influenzate dalla scadenza delle immatricolazioni con incentivi BEC.

 

In aumento anche la raccolta contratti che, secondo un primo scambio di informazioni fra UNRAE ed ANFIA, in marzo cresce del 21% con oltre 170.000 ordini raccolti. Nel trimestre l’incremento è del 16% a circa 448.000 contratti.

 

Per concludere l’analisi del mercato, buon andamento anche per l’usato: in marzo i trasferimenti di proprietà sono stati 426.460 in crescita del 16,4% rispetto ai 366.276 dello stesso periodo 2014. Ciò consente al trimestre di archiviare una crescita del 7,1% con 1.155.948 vetture trasferite, rispetto alle 1.079.568 del gennaio-marzo dello scorso anno.


TAG: immatricolazioni, autovetture, Italia, marzo, 2015


Per lo stesso periodo di riferimento

marzo 2015
Dati statistici > Immatricolazioni
Sala stampa > Conferenze stampa
Sala stampa > Autovetture
Sala stampa > Altri comunicati
Sala stampa > Dicono di noi

In rilievo

Prossimi appuntamenti  ?

  • 01
    dic
    Comunicato Stampa mercato auto Italia
  • 14
    dic
    Comunicato Stampa Europa

Chi è l'UNRAE

L'UNRAE è l'Associazione che rappresenta le Case estere operanti sul mercato italiano delle autovetture, dei veicoli commerciali e industriali, dei bus e dei caravan e autocaravan.

Chi siamo
Struttura
Presidente
Direttore Generale
Organi Associativi
Relazioni Istituzionali
Statuto
Codice Etico



Le nostre Associate per settore. Puoi fare click sui loghi per ottenere maggiori informazioni.