Sala stampa

Sala stampa > Autovetture

Analisi della struttura del mercato di novembre

Periodo di pubblicazione: 01 dicembre 2020
Periodo di riferimento dei dati: novembre 2020

 Scarica allegato: 02 Analisi UNRAE struttura del mercato Novembre 2020_5fc6787742cec.pdf


In un mercato che nel mese di novembre è sceso in modo allarmante dell’8,3% a 138.402 unità (e che senza il giorno lavorativo in più evidenzierebbe una flessione del 12,7%), i privati si confermano l’unico canale di vendita a presentare un incremento delle immatricolazioni e le vetture ibride, plug-in ed elettriche le uniche in forte accelerazione.

 

L’analisi della struttura del mercato di novembre, sotto il profilo degli utilizzatori, indica una crescita del 12,2% nel mese per gli acquisti dei privati, che salgono di 12 punti di quota al 66,1% del totale. Negli 11 mesi la flessione è ancora del 20,5% a circa 811.000 unità (63,8% di quota). Nuovo forte calo per il noleggio (-19,4%), che scende a rappresentare poco più di 1/5 del mercato. Flettono entrambe le componenti: il breve termine perde il 15,4%, il lungo termine il 16,3%, con una flessione sia delle principali società Top sia delle Captive. Nel cumulato la flessione rimane pesante e pari al 36%, con il breve termine che perde il 54% dei volumi, mentre il lungo termine cede il 26,6% delle immatricolazioni. Le società registrano un ulteriore pesante calo del 45% in novembre, con meno di 19.000 immatricolazioni totali e una quota che scende al 13,5% (-9,2 p.p.), per una drastica frenata delle autoimmatricolazioni (-56%) a cui si affianca una riduzione del 10,4% delle altre società. Negli 11 mesi le società perdono il 45% delle vendite, portandosi al 14,4% di rappresentatività.

 

Il mese di novembre mostra una flessione a doppia cifra delle immatricolazioni di auto a benzina (-37,4%), diesel (-28,4%) e metano (-30,8%). Fra le alimentazioni cresce il Gpl (+14,3%) e una forte accelerazione continuano ad evidenziare le vetture ibride (+206,7%), plug-in ed elettriche che, grazie alle immatricolazioni di contratti precedenti che hanno beneficiato degli incentivi governativi, crescono nel mese rispettivamente del 403% e 350%. Le ibride superano il 23% di quota avvicinandosi rapidamente al 29% del diesel e al 31% del benzina; al 3,5% del totale le plug-in e al 3,4% le elettriche. Nel complesso, quindi, le ibride, plug-in ed elettriche raggiungono il 30% del mercato. Nel cumulato gennaio-novembre a fronte di una contrazione di quota di benzina, diesel e gpl e una stabilità del metano, crescono le vetture ibride al 15,5% del totale, le plug-in all’1,7% e le elettriche al 2%.

 

Tutti in calo nel mese i segmenti del mercato ad eccezione delle utilitarie del segmento B e dell’alto di gamma, grazie al contributo del noleggio che altrimenti porterebbe il segmento F in territorio negativo. Le city car perdono l’8,4% mentre flessioni a doppia cifra interessano i tre segmenti medi e superiori.

 

Fra le carrozzerie, leggera contrazione per berline e crossover (con questi ultimi che comunque proseguono un ampliamento della quota sul mercato), più accentuata per i fuoristrada mentre pesanti flessioni interessano tutte le altre carrozzerie, ad eccezione di un leggero incremento dei coupé.

 

L’analisi per area geografica evidenzia in novembre una riduzione per Nord Ovest, Nord Est e Centro Italia, risultati positivi per Sud e Isole.

 

Ulteriore riduzione per le emissioni medie di CO2  delle nuove immatricolazioni che scendono del 12,2% a 102,7 g/km rispetto ai 116,9 del novembre 2019. Nel cumulato le emissioni calano dell’8,3% a 109,2 g/km (119,1 g/km negli 11 mesi di un anno fa).

 

L’analisi per fascia di CO2 mostra un incremento delle immatricolazioni di vetture fino a 110 g/km, con la fascia da 61 a 110 g/km che sta ancora beneficiando dei contratti raccolti con gli incentivi governativi e che, parallelamente, ha eroso vendite nella fascia 111-160 che perde più delle fasce penalizzate dal malus e maggiori di 160 g/km di CO2.

 

Per chiudere con l’analisi del mercato dell’usato, i trasferimenti di proprietà di autovetture, al lordo delle minivolture, in novembre perdono il 12,1% con 295.546 passaggi rispetto ai 336.112 del novembre 2019. Negli 11 mesi la flessione è del 29,1% a 2.741.636 unità (3.864.731 nel gennaio-novembre 2019).

 

In allegato l'analisi completa di grafici e tabelle



Per lo stesso periodo di riferimento

novembre 2020
Dati statistici > Immatricolazioni
Sala stampa > News dall'UNRAE
Sala stampa > Autovetture
Sala stampa > Altri comunicati

In rilievo

Prossimi appuntamenti  ?

  • 16
    apr
    Comunicato Stampa auto Europa
  • 03
    mag
    Comunicato Stampa mercato autovetture

Chi è l'UNRAE

L'UNRAE è l'Associazione che rappresenta le Case estere operanti sul mercato italiano delle autovetture, dei veicoli commerciali e industriali, dei bus e dei caravan e autocaravan.

Chi siamo
Struttura
Presidente
Direttore Generale
Organi Associativi
Relazioni Istituzionali
Statuto
Codice Etico



Le nostre Associate per settore. Puoi fare click sui loghi per ottenere maggiori informazioni.